Scegliere il Medico/Pediatra

Scegliere il Medico/Pediatra

L'iscrizione al SSN dà diritto a tutte le prestazioni sanitarie previste nei Lea (Livelli essenziali di assistenza) e alla scelta del medico di medicina generale (MMG) e/o del pediatra di libera scelta (PLS).

L’assistenza medica di base è garantita dai medici convenzionati per la Medicina Generale (MMG) e pediatria (PLS).

La asl per consentire al cittadino di effettuare la propria scelta mette a disposizione presso gli sportelli distrettuali (scelta e revoca medico) l’elenco dei MMG e PLS operanti nell’ambito territoriale di residenza del cittadino.

Il cittadino può cambiare medico in qualsiasi medico effettuando una nuova scelta. Qualora il medico non intenda prestare la propria opera in favore di un assistito può ricusarlo, motivandone la revoca per iscritto.

Al Medico di Medicina Generale è affidata la responsabilità della tutela della salute attraverso attività diagnostica, terapeutica, di prevenzione individuale e familiare e di educazione sanitaria, tenendo conto dei bisogni e delle esigenze dei singoli cittadini.

Al Pediatra di Libera Scelta è affidata la responsabilità della tutela della salute dal momento della nascita fino al compimento dei 14 anni (o 16 per chi intende avvalersi di questa possibilità), attraverso visite periodiche di controllo (Bilanci di Salute), screening preventivi, visite mediche, prescrizione di esami di laboratorio e di terapie ed interventi di educazione sanitaria.

I bambini da 0 a 6 anni devono essere obbligatoriamente iscritti con un pediatra di libera scelta. I minori da 6 a 14 anni possono essere iscritti con il pediatra o con il medico di medicina generale. Gli adolescenti da 14 a 16 anni possono continuare ad essere assistiti dal pediatra su richiesta dei genitori e accettazione del PLS, in presenza di situazioni certificate di disagio psico-sociale, di patologie croniche o handicap. La richiesta per il prolungamento deve essere presentata all'Ufficio di Medicina di Base del Distretto di appartenenza corredata dall'idonea documentazione, prima del compimento del 14° anno di età.
Gli interessati per esercitare il diritto di scelta del medico, secondo un rapporto fondato sulla fiducia, devono recarsi presso il Distretto sanitario di appartenenza - Ufficio Medicina di Base - scegliendolo dagli appositi elenchi ivi consultabili, purché il medico non abbia superato il massimale di scelte. E' possibile in particolari casi richiedere l'iscrizione con un MMG/PLS che abbia superato il massimale, presentando specifica domanda, corredata da documentazione giustificativa a supporto che sarà valutata da apposito Comitato Aziendale.

 

Come fare per la prima iscrizione al SSN

Recarsi al Distretto di appartenenza - Ufficio Scelta e Revoca del Medico - con:

  • Autocertificazione di residenza;
  • Documento di riconoscimento valido;
  • Tessera sanitaria;
  • Autocertificazione Codice fiscale di ciascun componente della famiglia;
  • Autocertificazione Stato di Famiglia per i nuclei familiari.
  • Delega sottoscritta da ciascun componente maggiorenne del nucleo familiare e fotocopia del documento del delegante (marito/moglie, genitore/figlio maggiorenne).

Come fare per iscrivere i nuovi nati

Recarsi al Distretto di appartenenza Ufficio Scelta e Revoca del Medico con:

  • Documento di riconoscimento del genitore o di chi esercita la potestà genitoriale;
  • Autocertificazione Stato di Famiglia;
  • Codice fiscale del neonato rilasciato dalla Agenzia delle Entrate.

I soggetti diversi dai genitori o da chi esercita la potestà genitoriale devono essere muniti di delega.

Come fare se sei nuovo residente

Recarsi al Distretto di appartenenza Ufficio Scelta e Revoca del Medico con:

  • Documento di riconoscimento valido;
  • Autocertificazione di residenza;
  • Autocertificazione Stato di Famiglia per i nuclei familiari;
  • Autocertificazione Codice fiscale di ciascun componente della famiglia;
  • Documento di iscrizione al SSN della ASL di provenienza;
  • Delega sottoscritta da ciascun componente maggiorenne del nucleo familiare (marito/moglie; genitore/figlio maggiorenne).

Domicilio sanitario

Il domicilio sanitario è l'iscrizione temporanea per un periodo non inferiore a 3 meni e non superiore a un anno, presso una ASL diversa da quella di residenza. Il cittadino residente in un'altra ASL può richiedere il domicilio sanitario per i seguenti motivi:

  • studio;
  • lavoro;
  • salute (ricovero o assitenza in luogo diverso dalla propria residenza).

Il domicilio sanitario può essere concesso solo se il cittadino ha provveduto a richiedere la revoca del medico/pediatra presso l'azienda sanitaria di residenza.

Per ottenere il domicilio sanitario, il cittadino deve recarsi presso l'Ufficio Scelta e Revoca del medico del Distretto sanitario cui afferisce il comune presso il quale l'assistito soggiornerà presentando:

  • valido documento di riconoscimento;
  • tessera sanitaria;
  • attestato di revoca del medico rilasciato dall'Asl di residenza del richiedente.

Cittadini italiani residenti all'estero (iscritti all'anagrafe degli italiani residenti all'estero) "AIRE"

Il Servizio Sanitario Nazionale assicura l'assistenza sanitaria a tutti i cittadini che hanno la residenza in Italia; pertanto, fatta ad eccezione le ipotesi di distacco lavorativo, è regola generale che tutti coloro che trasferiscono la residenza dall'Italia verso un altro stato perdono il diritto dell'assistenza sanitaria sia in Italia che all'estero; questo avviene automaticamente all'atto della cancellazione dall'anagrafe comunale. Per i cittadini italiani con lo status di emigrato e ai titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani, che rientrino temporaneamente in Italia sono assicurate le prestazioni ospedaliere urgenti per un periodo di 90 giorni nell'anno solare, purché gli interessati non abbiano una copertura assicurativa pubblica o privata sanitaria. Per ottenere le prestazioni occorre presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui si dichiara:

  • il proprio status di emigrato;
  • di non essere in possesso di una copertura  assicurativa pubblica o privata sanitaria.

I cittadini italiani iscritti all'AIRE, residente in stati dell'Unione Europea, dello spazio economico europeo e in Svizzera, in temporaneo soggiorno in Italia, per motivi diversi dal lavoro o studio, devono presentare la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) rilasciata dall'Istituzione Estera presso la quale sono assicurati.

Cittadini dell’Unione Europea (UE), SEE e Svizzera in possesso della TEAM

I cittadini assistiti da uno Stato dell’Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Liechtenstein e Norvegia) e dalla Svizzera, durante un soggiorno temporaneo in Italia nel caso necessitano di ricorrere a cure sanitarie, hanno diritto, previa esibizione della Team o del suo certificato sostitutivo ad ottenere la prestazione in forma diretta, gratuitamente, presso le strutture pubbliche e private accreditate con il SSN. Gli MMG e PLS dietro presentazione della TEAM o del certificato sostitutivo provvisorio effettuano le visite, possono prescrivere prestazioni specialistiche, analisi di laboratorio, esami diagnostici, medicinali e il ricovero in ospedale. Le cure sanitarie sono fornite gratuitamente con il pagamento del solo ticket a carico dell’assistito.

Cittadini dell’Unione Europea (UE), SEE e Svizzera in possesso di attestato di diritto

Per i titolari di modelli E106, E112, E120 ed E123 o documento S1, e per gli assistiti provenienti da Paesi con i quali è stata stipulata una convenzione di sicurezza sociale vige sempre l’obbligo di recarsi presso l’Asl territorialmente competente che provvederà ad iscriverli al SSN ed effettuare la conseguente scelta del medico.

Documento di iscrizione al SSN che attesta il medico o il pediatra assegnato

Per avere il documento di iscrizione al SSN (tessera sanitaria) che attesta il medico o il pediatra assegnato, il cittadino può scegliere di:
- ritirarlo di persona presso gli uffici dell'ASL Avellino del distretto sanitario di residenza
- riceverlo per posta
- farlo ritirare a una persona delegata (è necessario il modulo di delega).

Cambio o revoca del medico o del pediatra

Il cittadino può cambiare e revocare il medico o il pediatra di famiglia in diversi modi.

Tutte le scelte che richiedano una DEROGA al massimale del medico o la presentazione di una documentazione che attesti il diritto all'assistenza (scelte temporanee, fuori competenza territoriale ecc.), devono essere effettuate presso gli sportelli della ASL competente territorialmente.

Per i Pediatri di Libera Scelta (PLS) i casi di assegnazione in deroga rispetto al massimale del medico, da richiedere alla ASL sono i seguenti:

Deroga nuovi nati oltre massimale individuale (prima scelta entro il terzo mese dalla nascita) - Art.38 comma 8 ACN 15/12/2005;

Deroga per assistito tra 14 e 16 anni - Art.41 comma 10 ACN PLS 15/12/2005;

Ricongiungimento familiare - Art.38 comma 9 ACN 15/12/2005.

Per i Medici di Medicina Generale (MMG) i casi di assegnazione in deroga rispetto al massimale del medico, da richiedere alla ASL sono i seguenti:

Ricongiungimento familiare per medico generico - periodo illimitato - Art.40 comma 7 ACN 23/03/2005.

Regione Campania

Tel: 0825 291111
Fax: 0825 30824

Via degli Imbimbo, 10/12
83100 Avellino

PEC: protocollo@pec.aslavellino.it
Email: info@aslavellino.it

CF/P.IVA 02600160648